Registrazione  |  Login

mercoledì, ago. 23 11:59

 
 

 
 
 
 
 VTC & Salute - indice Riduci

introduzione

  • Che cosa è il Viet Tai Chi
  • Viet Tai Chi e anatomia del corpo umano
  • Viet Tai Chi e prevenzione
  • A chi serve fare Viet Tai Chi?

alfabeto della salute


 Stampa   
 VTC & salute - cap. 4 Riduci

A chi serve fare Viet Tai Chi?

In oriente non si fa differenza tra arti marziali esterne, come il kung fu, o interne come il tai chi. Gli allievi frequentano la palestra di un maestro che di volta in volta decide di insegnare forme dell’una o dell’altra arte, a seconda delle proprie preferenze e scelte didattiche.

Qui da noi, chi ha iniziato il tai chi lo ha fatto per praticare qualcosa di diverso e alternativo rispetto alla ginnastica occidentale.

Chi pratica dunque, il VTC? All’inizio adulti, persone un po’ acciaccate che non potevano dedicarsi allo sport preferito, persone che pur sapendo di dover praticare qualche tipo di attività, non volevano impegnarsi in qualcosa di faticoso, tipo ginnastica moderna, aerobica, ecc.

Adesso la varietà è maggiore: persone giovani che hanno bisogno di rilassarsi dopo una giornata di studio o lavoro; atleti che devono integrare la pratica della loro disciplina o recuperare dopo un infortunio; persone più anziane che iniziano pensando che il tai chi sia semplicemente l’unica cosa che possono fare ma che poi continuano interessandosi molto al programma offerto.

Quindi per schematizzare:

• Adulti

Categoria ricca di casi particolari. Sappiamo che dobbiamo fare movimento, ma poi non siamo abbastanza volonterosi per farlo con costanza. Il VTC aiuta perché non si tratta solo di movimento fisico; c’è anche una parte molto interessante di stimolazione della mente, non solo per la concentrazione o la memoria, ma nell’introdurci a un mondo che, appartenendo a quello delle arti marziali, è ricco di mitologia, racconti fantastici, considerazioni filosofiche e aspetti pratici sorprendenti come l’autodifesa

• Giovani

Sempre più c’è bisogno di rilassarsi, alleviare ansia e stanchezza da stress causati dal lavoro e dallo studio. Elasticità fisica e mentale: questo è quello che il VTC insegna a giovani (e meno giovani)

• Anziani

La stampa è piena di articoli che invitano gli anziani a fare tai chi. Equilibrio, forza muscolare, concentrazione, resistenza; i vantaggi sono tantissimi e se all’inizio sembrerà una scelta di ripiego per chi non può più fare sport più impegnativi, poi ci si renderà conto che il mondo del tai chi è divertente e ricco di aspetti interessanti

• Atleti

Come vedremo, il VTC serve moltissimo per recuperare forma fisica dopo un incidente o un’operazione; è anche molto utile per allenare e potenziare le parti del corpo meno usate durante uno sport specifico; come serve a distendere articolazioni e muscoli se troppo contratti o sottoposti a superallenamento. La pratica della respirazione aiuta chi fa nuoto e coloro che hanno necessità di aumentare la precisione dei loro gesti

• uomini e donne

insegnando nelle palestre, noto come certi corsi siano preferiti da uno o l’altro sesso: pilates in genere vede più le donne; in sala pesi ci sono più uomini; il tai chi, invece, equilibrato come tutte le arti marziali, offre una disciplina che piace a tutti, uomini e donne, perché ognuno la può praticare dando enfasi alle proprie inclinazioni: le donne sanno armoniose e faranno movimenti circolari e lenti; gli uomini saranno più potenti e decisi. Entrambe questi stili sono belli e efficaci.

 


 Stampa   
 VTC & salute - cap 3 Riduci

Viet Tai Chi e prevenzione

Ormai da molto tempo si è iniziato a dare importanza al movimento fisico per la prevenzione di disturbi, vere e proprie malattie, sovrappeso, ecc. e sappiamo che in generale, qualsiasi attività fisica, se praticata in maniera costante, può servire a questi scopi. Il problema sarà riuscire a individuare quale attività sia, da una parte praticabile da tutti, dall’altra la più completa, in grado di aiutare l’individuo nella prevenzione dal punto di vista psicofisico, cioè completo.

Qui entra in gioco la peculiarità del VTC, quella cioè di essere nata come arte marziale. Come sappiamo le arti marziali sono nate dall’esigenza di difendere se stessi e gli altri e nello stesso tempo mantenersi in buona salute ed equilibrio. Uno dei concetti fondamentali che vengono insegnati è questo:

il miglior modo per vincere un combattimento, è quello di evitarlo.

Quindi la vera scelta di chi pratica arti marziali è quella di NON combattere, non perché non ne sia in grado, ma per scelta e per strategia; controllando così due delle caratteristiche istintive più antiche: aggressività e spirito di conservazione.

Quindi, qui non si tratta di arrendersi o fuggire, ma di inserire il problema dello scontro in un contesto più ampio, dove la prevenzione è parte importantissima. Poi, se si dovrà, si combatterà in modo da concludere lo scontro il più rapidamente possibile e con le minori conseguenza possibili.

Basterà allora, che sostituiamo la parola combattimento con la parola malattia, e avremo ciò di cui abbiamo bisogno, infatti, spesso, la prima battaglia che dobbiamo fare, e vincere, è quella contro noi stessi. Se sapremo vivere nell’ottica costante di prevenire quello che di male ci può capitare, avremo applicato pienamente il principio su cui si basano tutte le arti marziali, e a maggior ragione quelle di origine interna, come il VTC, che punta a una maggiore conoscenza di noi stessi e del nostro livello di energia.


 Stampa   
 Viet Tai Chi & Salute - cap.2 Riduci

quali sono le caratteristiche di questa disciplina e come agisce il movimento del VTC sui principali apparati del corpo umano?

Apparato Locomotore: la pratica costante del VTC risulta salutare sia per la struttura scheletrica in generale che per il mantenimento di una normale morfologia della colonna vertebrale; come prevenzione dell'osteoporosi, grazie ad un irrobustimento della struttura ossea; rafforzamento della muscolatura; mantenimento dell'elasticità e della funzionalità articolare.

Apparato Cardiocircolatorio: riduzione della pressione sanguigna e riduzione del numero dei battiti con conseguente potenziamento dell'attività cardiaca, prevenzione e controllo dell' ipertensione arteriosa. Ampio beneficio sul ritorno del sangue venoso dalle estremità, grazie alla contrazione muscolare ed il buon utilizzo della respirazione

Sistema Nervoso Centrale: come probabilmente sapete, è il SNC che presiede a tutti i movimenti del nostro corpo. La percezione e la consapevolezza del proprio corpo non si trova nell'immagine che lo specchio ci riflette. Nasce da noi dal di dentro. E' una facoltà sensoriale molto precisa della quale siamo dotati. Il SNC è caratterizzato da organi sensori dai quali riceve continui segnali. Alcuni danno informazioni sul mondo esterno, ad esempio gli occhi; altri inviano informazioni  dall'interno del corpo. Ogni apparato dell'organismo ne è dotato e sono questi organi che ci danno il senso della nostra posizione nello spazio, del peso, dell'equilibrio, del movimento. Quando i muscoli e le articolazioni sono stati a lungo inattivi e rigidi, presentano recettori scarsamente funzionali che ci forniscono in definitiva una serie d'informazioni frammentarie ed incomplete.

Apparto Gastrointestinale: effetti corretti sulla digestione, sulla peristalsi, sull'assorbimento intestinale

Apparato Respiratorio: benefici diretti sul polmone, grazie ad un'espansione maggiore dell'organo stesso; indiretti sul resto dell' organismo, tramite una migliore ossigenazione del sangue e di conseguenza dei tessuti Con la pratica del VTC, i muscoli, finalmente attivi, e quindi con recettori pienamente efficienti, ci danno la consapevolezza e la percezione precisa del nostro corpo. La pratica abituale di questa disciplina favorisce, con il sistema stimolo-risposta prima accennato, un più rapido preciso apprendimento degli schemi motori, un miglioramento della nostra capacità stessa di movimento. Inoltre il VTC, attività serena e rilassante è il mezzo ideale per combattere lo stress che oggi colpisce un po' tutti. 


 Stampa   
 Viet Tai Chi & Salute - cap.1 Riduci

Cercando di spiegare in maniera molto semplice concetti antichi e complessi, possiamo dire che la cultura orientale vede nell’uomo un insieme armonico di corpo e mente, nutrito e regolato dall’energia interna; energia che ci appartiene fin dalla nascita, che ci accompagna per tutta la vita e che è responsabile del nostro benessere e equilibrio.

Blocchi o scompensi di energia generano le malattie o permettono al corpo di ammalarsi perché le difese sono abbassate. L’allenamento fisico del corpo, quindi, serve per allenare questa energia che abbiamo al nostro interno e mantenerla sempre in armonia con la nostra mente

Praticare un’arte marziale, quindi, non significa semplicemente imparare a combattere o a difendersi, ma significa coltivare salute fisica ed equilibrio mentale; altrimenti avremmo combattenti inefficienti e poco affidabili.

Anche se nel tempo il tai chi è stato praticato per scopi diversi da quello marziale, i concetti alla base della sua efficacia rimangono inalterati.

Per praticarlo in modo efficace c'è bisogno di concentrazione, di lucidità mentale, di condizioni psicologiche equilibrate (si giudicano meglio le cose), forma fisica, agilità, buon controllo dell'equilibrio: si tratta delle stesse cose che servono per essere in salute. L'unica specificità del Tai Chi consiste nel suo essere interno, nel costituire, cioè, la forza interiore che proviene da dentro il nostro stesso corpo; nel sottolineare l'importanza di coltivare questa forza vitale, la forza mentale e la tranquillità della mente. Combinando un allenamento esterno e interno, il Viet Tai Chi costituisce un potente approccio olistico al miglioramento della salute.

Il Viet tai chi è strutturato per far lavorare il corpo assecondando il flusso di energia interna, stimolandolo dove serve e sbloccandolo dove è fermo. Sono gli stessi principi con cui lavora l’agopuntura, solo che, per fortuna, è anche molto bello esteticamente, farlo è divertente e questo agevola l’armonia con la nostra mente

 


 Stampa   
 trovaci su facebook Riduci

 Stampa